Acne

L’acne è un'infiammazione (dermatosi) del bulbo pilosebaceo e del tessuto intorno al follicolo che si manifesta solitamente nel periodo dell'adolescenza (fase della pubertà intorno ai 16-18 anni, più precocemente per le ragazze), ma può comparire anche nell’età adulta.

L’acne nella maggior parte dei casi tende a regredire intorno ai vent’anni e a scomparire verso i 25 anni, ma in taluni casi può continuare anche nell’età adulta.

Ricordiamo che l’acne rappresenta spesso un serio disagio psicologico per l’evidente problema estetico che comporta, a prescindere dall’età del soggetto.


Come si presenta l'acne

L’acne si presenta prevalentemente nelle zone della cute in cui vi è una maggior presenza di ghiandole sebacee (follicoli sebacei) ovvero su viso, sul collo, sul torace e sulle spalle.
La prima lesione con cui si presenta all’inizio l'acne volgare è il comedone.
Il comedone è una cisti di sebo e cheratina che si crea quando vi è l’ostruzione del canale follicolare.

I comedoni aperti sono comunemente definiti “punti neri” e non presentano particolari complicazioni, oppure vi possono essere comedoni chiusi (punti bianchi).
Nell’acne volgare i comedoni chiusi evolvono in lesioni papulo-pustolose (detti foruncoli o brufoli), noduli, cisti.
Infatti se vi è un aumento della produzione di sebo all’interno della singola ghiandola sebacea, e se il sebo non riesce a defluire all’esterno, perché il canale follicolare è ostruito (ipercheratinizzazione del dotto pilosebaceo), si crea una sacca (comedone chiuso) che continua ad ingrandirsi.
Nel follicolo ostruito si formano quindi dei batteri che causano irritazione, infiammazione ed infezione intorno al follicolo.
Successivamente la rottura della cisti stessa crea un’ infiammazione dei tessuti circostanti. Le lesioni superficiali con cui si presenta l’acne sono le papule e le pustole (detti foruncoli o brufoli).
Le lesioni più profonde sono i noduli e le cisti e possono lasciare degli esiti cicatriziali o cicatrici da acne, che possono anche presentare nel tempo un’iperpigmentazione infiammatoria.

Le cause dell'acne

Una delle cause fondamentali della comparsa dell’acne è l’aumento della produzione ormonale (androgeni, ormoni sessuali prevalentemente maschili ma presenti anche nella donna) che i verifica nella fase della pubertà sia nelle ragazze che nei ragazzi, e che provoca un aumento della produzione di sebo all’interno della singola ghiandola sebacea.
Inoltre può essere causata o aggravata da fattori psicologici e psicosomatici che si possono manifestare particolarmente nell’adolescenza.
L'acne può essere causata o aggravata dalla somministrazione di testosterone, agenti anabolizzanti, farmaci, e dal contatto con determinate sostanze chimiche.

Varietà cliniche

Terapia e cure

La terapia più appropriata al proprio caso specifico, sarà valutata dal proprio dermatologo dopo una visita in studio.
Solitamente le terapie dell'acne comprendono l'utilizzo di antibiotici topici (cioè da distribuire sulla pelle) o per via orale quali le tetracicline e altri, le terapie ormonali (Estrogeni, Antiandrogeni, Contraccettivi orali) ed i cortisonici.