Dermatite allergica da contatto (DAC)

A causare questa malattia non è altro che una sostanza, l’allergene, che a contatto con la pelle origina manifestazioni cutanee come risposta del sistema immunitario.
La dermatite allergica quindi si scatena nel momento in cui i linfociti, cellule immunitarie, reagiscono all’immunità dopo essersi sensibilizzate all’allergene.
Quindi solamente dove vi è stato contatto con la sostanza che produce allergia, si manifesteranno reazioni cutanee.
Il primo contatto con la sostanza allergica farà comparire la dermatite non prima di una settimana, successivamente le lesioni compariranno entro 1 o 2 giorni.
La reazione allergica e di conseguenza la manifestazione cutanea può a volte diffondersi oltre l’area di contatto con l’allergene, a causa del contatto della parte interessata con altri parti del corpo, o in rari casi anche lontano dall’area circoscritta dal contatto.
Il processo che scatena tutto ciò è da reputarsi ad una penetrazione dell’allergene in grandi quantità o al sudore, che dissemina la sostanza.


Da cosa è provocata

La DAC è una malattia molto comune , in quanto le sostanze allergizzanti vengono largamente utilizzate a livello industriale e commerciale, e costituiscono la maggior parte delle sostanze che utilizziamo tutti i giorni, come ad esempio:il nichel, contenuto nei gioielli, il cobalto, contenuto in vernici, smalti, shampoo, il balsamo del Perù, utilizzato nei profumi, in alcuni farmaci topici, nei cosmetici, ed infine la colofonia, presente in colle e vernici.

Come si presenta la dermatite da contatto

La manifestazione cutanea inizialmente si presenta con dei lievi arrossamenti (eritema), accompagnati da prurito, per poi evolversi in chiazze sovrastate da vescicole che rompendosi facilmente, originano le croste.
La reazione allergica può proseguire nel tempo , ispessendo la pelle pigmentata e ricoperta di squame, intensificando così il prurito.
La parte interessata dalla manifestazione allergica, generalmente , può stare ad indicare qual è il sospetto dell’allergia in atto; come ad esempio, una lesione sulle mani può essere causata dall’intolleranza ad uno smalto per unghie, ad una crema o ad un sapone.

Il test

Il test, per stabilire la causa della DAC (dermatite allergica da contatto), è di tipo epicutaneo, ovvero vengono messe a contatto con la pelle varie sostanze disperse nella vaselina bianca, in maniera tale da esserci una perfetta aderenza con la pelle, il tutto ottenuto grazie a dei dischetti con cerotto adesivo. Le sostanze vengono applicate sul dorso e vengono effettuate due letture, una dopo 48 ore e un’altra dopo 96 ore; il test risulterà positivo nel momento in cui la cute sotto un certo dischetto manifesterà i primi sintomi della dermatite.  

Terapia e cure

Le misure preventive da adottare per evitare o limitare il caso di una DAC possono essere, oltre ai test epicutanei, l’uso limitato di saponi chimici e di indumenti sintetici antitraspiranti, l’uso quotidiano di lozioni idratanti o emollienti es. prodotti di aloe vera, proteggersi con guanti di cotone se non è possibile evitare il contatto con la sostanza allergica.