Ipertricosi ed irsutismo

Si definisce irsutismo una crescita di peluria in zone generalmente insolite, causata da una produzione notevole di androgeni oppure da una particolare sensibilità della cute a questi ormoni. Ricordiamo che questo inestetismo riguarda esclusivamente il sesso femminile, e gli esami di laboratorio stabiliranno di che forma di irsutismo si tratta, e la giusta terapia farmacologica da intraprendere.

Con il termine Ipertricosi si vuole invece indicare la crescita eccessiva di peli in zone in cui normalmente sono presenti, esclusivamente in soggetti di sesso femminile, in quanto la crescita di peli è invece normale nel sesso maschile.
La differenza tra l’irsutismo e l’ipertricosi, è che nel primo caso, la crescita eccessiva di peli si sviluppa in zone dove generalmente nella donna non dovrebbero esserci, nel secondo caso invece le zone già interessate da peluria diventano eccessivamente folte.


Le cause dell’irsutismo e dell’ipertricosi

Le cause che scatenano l’irsutismo e l’ipertricosi sono di tipi ormonale, come ad esempio:

Terapia e cure

Esistono degli speciali esami da effettuare per accertarsi della disfunzione in corso, così da poter attuare una terapia adatta.
La terapia ormonale, contro l’aumentata sensibilità agli androgeni, solitamente prevede l'utilizzo di antiandrogeni recettoriali che inibiscono il legame tra il testosterone e il DHT.
Si ottengono risultati positivi, e solo talvolta terapeutici, dopo circa 6-12 mesi di cure, tenendo presente i rischi per le donne in gravidanza, o con più di 35 anni, fumatrici o ipertese, o con insufficienza epatica.
Nelle donne affette da neoplasie ovariche o surrenaliche la risoluzione al problema dell’irsutismo, viene affrontata per via chirurgica, mentre nei soggetti obesi, la riduzione di peso può portare ad un miglioramento dell’irsutismo-ipertricosi.