L'orticaria

L'orticaria è un’eruzione cutanea di tipo allergico il cui effetto sulla pelle è molto simile alla reazione che avviene dopo il contatto con l’ortica, da qui per l’appunto il nome “orticaria”.
La cute si presenta con placche o vesciche rossastre, localizzate nella zona del contatto, accompagnate da intenso prurito.


Principali cause

I fattori che scatenano l’eruzione dell’orticaria, possono essere i più vari: Un’orticaria più grave di tipo allergico può essere scatenata da alcuni farmaci, come ad esempio l‘aspirina, gli antibiotici o i vaccini, e da alcuni alimenti (pesce, fragole , noci e spezie...), ed in questi casi vengono prescritti dei farmaci antistaminici per curare appunto l’allergia in corso.
Altri elementi che scatenano l’orticaria possono essere alcuni pollini, polveri chimiche e non, coloranti e additivi, alcuni prodotti tessili, come la seta e il nylon, oppure anche le punture d’insetto, o il contatto con alcune piante.
Ricordiamo comunque che l’orticaria non è necessariamente dovuta al contatto con una sostanza esterna al nostro organismo ma può generarsi anche in seguito ad forte stato di stress, alla prolungata esposizione in un ambiente caldo o freddo, oppure alla luce, o in seguito ad un eccessivo sforzo fisico, come avviene in molti sportivi.
In questi specifici casi, l’orticaria può divenire cronica, cioè per giorni, mesi o anni può comparire.

Terapia e cure

Per la guarigione dell’orticaria è solitamente indicato dal proprio medico curante, dopo un'attenta diagnosi, l'uso di farmaci antistaminici e che alleviano il prurito possono essere molto utili come rimedio immediato, ma ricordiamo che l’eliminazione totale della causa che origina l’orticaria sarebbe la terapia migliore, da qui discende l'importanza di una attenta diagnosi delle cause che l'hanno generata.