Prurito

Il prurito e' una fastidiosa sensazione cutanea che porta chi lo manifesta a grattarsi; il grattamento rappresenta una reazione riflessa messa in atto per arginare la diffusione dello stimolo dalle terminazioni nervose poste tra derma ed epidermide (rispettivamente lo strato profondo e quello superficiale della pelle) fino al midollo spinale.

Spesso il prurito tende ad aumentare in alcune condizioni (dopo un bagno, un pasto abbondante e nelle ore notturne) che determinano il rilascio di mediatori chimici dell'infiammazione, primo tra tutti l'istamina, ma anche leucotrieni, prostaglandine, chinine ed altri.


Le cause del prurito

Le cause di prurito sono molto numerose, di seguito elencheremo le piu' frequenti:
Bambini e anziani spesso soffrono di prurito dovuto a secchezza della pelle, a volte associato nei bambini a dermatite atopica.
Le donne in gravidanza intorno al 6° mese possono manifestare prurito a causa della stasi biliare, della quale e' responsabile l'addome aumentato di volume.
Molto comune e' il cosiddetto prurito acquagenico, dovuto al rilascio eccessivo di acetilcolina in seguito al contatto con l'acqua.
Esiste ancora una forma di prurito detto paraneoplastico, associato a forme tumorali soprattutto di stomaco, colon e polmoni.
Le persone infatte da HIV a volte presentano prurito quando si verifica l'evoluzione verso la forma conclamata della malattia.
Nei pazienti affetti da insufficienza renale cronica il prurito e' dovuto all'accumulo nella cute di fosforo e magnesio.
Il prurito puo' essere associato a malattie parassitarie, quali l'infestazione da acari responsabili della scabbia o l'infestazione da pidocchi o l'infestazione da parassiti intestinali nel caso di prurito perianale.

Diagnosi e terapia del prurito

In presenza di prurito persistente, si consiglia di effettuare una visita dermatologica accurata, in base alla quale il dottore stabilira' in ogni singolo caso gli esami da approfondire (controllo ematico degli enzimi epatici e renali, ricerche parassitologiche, test per malattie allergiche, ecc ecc...) e di conseguenza le opportune terapie.